melograno

Ingredienti:

2 melograni
q.b. zucchero
q.b. acqua

Preparazione:

Il melograno è un frutto particolare perché all’interno presenta dei piccoli “grani” rossi commestibili. Per estrarli dal frutto, semplicemente tagliatelo a metà, poi rigiratelo all’interno di ciotola e con un cucchiaio di legno battete sulla buccia esterna del melograno, in modo da fare cadere i grani all’interno della scodella. Quando avrete finito, non resta che mettere i chicchi in un mixer e frullare. Dopodiché passate la polpa attraverso un colino, quindi aggiungete a vostro piacimento un po’ di zucchero per dolcificarlo oppure della semplice acqua per diluirlo. Potete gustare la vostra fresca bevanda vitaminica.

gnocchi spinaci

Ingredienti:

350 g di patate
200 g di spinaci
50 g di farina “00”
q.b. di sale

Preparazione:

Per prima cosa pulite, lavate e asciugate gli spinaci, poi lessateli in poca acqua salata. Prendete le patate e fate bollire anche loro in un’altra pentola per circa 30-40 minuti. Quando gli spinaci saranno cotti, scolateli e strizzateli per bene per fare uscire tutta l’acqua, poi tagliuzzateli con un coltello o con una mezzaluna. Quando anche le patate saranno cotte, sbucciatele facendo attenzione a non scottarvi (lasciate scorrerci sopra dell’acqua corrente fredda per raffreddarle un po’) e poi schiacciatele con una forchetta o uno schiacciapatate. Unite le patate e gli spinaci su una spianatoia infarinata in precedenza, assaggiate per sentire se manca o no del sale, quindi amalgamate per bene gli ingredienti. Ora aggiungete anche la farina e impastate finché il composto non diventa compatto. Fate attenzione a non impastare troppo, altrimenti gli gnocchi risulteranno un po’ troppo duri. A questo punto prendete una porzione di impasto e dategli la forma di un filone dallo spessore di 3 cm. Utilizzando un coltello, tagliate il “salamino” ottenuto in tanti tocchetti, ai quali darete la classica forma di gnocco con l’ausilio di una forchetta (o dell’apposito attrezzo). Man mano, sistemate gli gnocchi su un canovaccio leggermente infarinato. Cuoceteli in acqua bollente salata e scolateli (meglio con una schiumarola, per non romperli) non appena affiorano in superficie. Potete condirli con il classico burro e salvia oppure con una salsa ai formaggi.

rafano sinergico

Ingredienti:

100 g di rafano
100 g di rapa
1 mela renetta
q.b. aceto di vino bianco
q.b. olio extravergine di oliva
q.b. sale

Preparazione:

Pulite e lavate il rafano, la rapa e la mela sotto acqua corrente, quindi procedete a spellare il rafano come fosse una patata e a togliere la buccia e i semi alla mela. Dopodiché grattugiateli tutti e tre con l’aiuto di una grattugia. Mettete il tutto all’interno di una scodella, poi condite con qualche cucchiaio di aceto di vino bianco e un filo d’olio. Aggiungete anche un po’ di sale e infine mescolate il tutto. Fate riposare per una quindicina di minuti prima di servire, in modo che il composto prenda gusto. Si abbina molto bene a piatti di carne, come bolliti e arrosti.

cipolle agrodolce

Ingredienti:

300 gr cipolle piccole
2 cucchiai da tavola di zucchero
1/2 bicchiere di aceto bianco
12 gr di burro
1/2 mestolo di acqua calda o brodo vegetale
1/2 cucchiaio da tavola di olio extravergine di oliva
q.b. di sale

Preparazione:

Per prima cosa bisogna soffriggere le cipolline intere, quindi, dopo averle sbucciate, mettete il burro e l’olio extravergine di oliva in una padella, e quando saranno caldi unite le cipolle e fatele sfrigolare per bene. Dopodiché continuate a cuocerle e aggiungete un mestolo di acqua calda o, se preferite, di brodo vegetale. Vi occorreranno comunque una decina di minuti con coperchio perché siano cotte. A questo punto spolverate con lo zucchero e fatelo sciogliere pian piano. Solo quando lo zucchero è perfettamente sciolto, aggiungete l’aceto e fatelo evaporare. Condite con sale secondo vostro gusto e continuate a cuocere fino a che non otterrete una bella salsina quasi densa (riduzione). Poi il vostro piatto potrà essere gustato, sia caldo che freddo, se volete.

cotolette finocchi giusta

Ingredienti:

2 finocchi
2 uova
q.b. pangrattato
10 fette di provola o altro formaggio a fette
q.b. parmigiano 
q.b. sale

Preparazione:

Per prima cosa, procedete a tagliare a fette di 7 mm i finocchi, ricordandovi di non eliminare la parte inferiore di questi ortaggi perché in questo modo i vari pezzi non si divideranno. Poi sbollentatele in acqua salata per una decina di minuti e scolatele. Quindi mettete su ogni fetta di finocchio uno strato di provola (o altro formaggio a vostro piacimento), immergetele nell’uovo sbattuto, dopodiché nel pangrattato mischiato al parmigiano. Fate una seconda panatura, così avrete delle cotolette ancora più croccanti. Prendete quindi una teglia, foderatela con carta da forno e posizionateci le cotolette al suo interno. Cuocete a forno statico a 220° per circa 25 minuti, avendo cura di girarle una volta a metà cottura. Dopodiché servitele ancora calde.